Mettersi in proprio: si o no?

Clara mi scrive: Sono un mamma sola con bimba di 7 anni. Lavoro in ufficio da ben 23 anni e oggi la mia vita è di una monotonia e ripetitività assurda. Vorrei mettermi in proprio, ma come osare, come mettere in discussione un lavoro sicuro come quello attuale che assicura la pagnotta a mia figlia , in cambio di….
Lei cosa farebbe?
Cara Clara, ti consiglio di valutare bene i pro e i contro. Da una parte l’ebbrezza di mettersi in proprio, la libertà che deriva dal non avere capi, la soddisfazione che provi quando arrivano i risultati. Ma vanno considerati anche i contro. Sei disposta a rischiare? A trascorrere notti in bianco? A scervellarti su come far tornare i conti quando sembra che proprio non vogliano quadrare?
Soppesa tutto: il mercato in cui vuoi operare, il tuo stato psicologico, la tua motivazione. E scegli. Non soltanto con la mente, ma anche con il cuore. E con la pancia. Perchè se una decisione è soltanto intellettuale, razionale, ma il tuo subconscio rema contro, non ce la farai mai. Ma se cervello, pancia e cuore vanno nella stessa direzione, lanciati!

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Life Coach

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *