Il bene e il male sono nella nostra testa

Intervistato dopo il terremoto che gli aveva distrutto la casa, un abitante dell’Aquila si è messo a piangere: “Non ho più niente, io e la mia famiglia non sappiamo dove andare!” Un altro, nella stessa situazione, ha ringraziato Dio: “Non ho più la casa, ma ho ancora la famiglia: e questo è l’importante”. Morale: ciascuno dà una sua interpretazione delle cose. E può scegliere se essere triste o felice.
Ogni giorno ci capitano cose belle e cose brutte. In genere ci concentriamo su queste ultime, tralasciando le prime. Così ci abbattiamo. Ci sentiamo sfortunati, perseguitati. E perdiamo di vista il bello della vita.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Senza categoria

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *