Il cambiamento: rischio o opportunità?

Abbiamo paura del cambiamento. Perché temiamo l’ignoto. Pensa all’adagio popolare: “Chi lascia la via vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non quel che trova”. Eppure, se ci pensi, tutto ciò che di buono ti è capitato è scaturito da un cambiamento: un nuovo lavoro, la nascita di un figlio, un amore, un’opportunità…  La vita è piena di cambiamenti. Temerli ci mette sulla difensiva, in posizione di chiusura. E ci impedisce di vederli oggettivamente e coglierli in tutto il loro potenziale positivo. Che spesso esiste. Anche se è difficile notarlo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Life Coach

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

6 risposte a “Il cambiamento: rischio o opportunità?

  1. Sono convinta che il cambiamento è più un’ opportunità che un rischio! A volte anche una piccolezza, come ad esempio fare una strada diversa dal solito per andare a casa o al lavoro, può dare inizio ad una serie di eventi che mai avremmo sperimentato. Certo è,che se abbiamo timore di tutto ciò che è nuovo o diverso…..L’importante secondo me, è avere uno spirito un pò avventuroso e curioso, avere occhi e orecchie aperti per cogliere tutti i messaggi che il mondo ci manda, ed essere autoironici, ridere un pò di più di noi stessi! Una buona giornata a tutti!

  2. Più che spirito avventuroso, uno spirito coraggioso. Bisogna avere il coraggio di fare i cambiamenti; tanti sono bravi a piangersi addosso perchè le cose vanno male, ma quanti hanno il coraggio di dire: bene va male ma se non mi sveglio a dare una svolta, le cose non cambieranno mai..!!
    Il primo passo è abbandonare l’insicurezza e non aver paura di sbagliare. Se si pensa tutto in negativo allora siam già fregati!

  3. Il cambiamento ha sempre una percentuale di rischio e una di opportunità. E per quanto possa poi dimostrarsi positivo, non sempre all’inizio è facile adattarsi ad esso. Io non nego di provare ansia quando mi trovo di fronte ad un cambiamento.

  4. …. è facile avere uno spirito avventuroso quando non si ha famiglia, figli e mutuo da pagare…
    se prima vedevo i cambiamenti come sfide e opportunità, ora come ora li vedo come ‘attentati’ alla mia quotidianità basata su un equilibrio economico molto precario dove non c’è molto spazio per curiosità e ironia….
    un saluto a tutti anche da me 🙂

  5. Vero, i cambiamenti sono, di solito, fonte di energie positive, ma il problema è affrontare la puara del cambiamento o dell’ignoto, come lo definisci tu. Non ci si accetta per quello che si è ed è questa la vera paura. Non c’è la paura di cambiare, ma c’è la paura di fare qualcosa di nuovo perchè poi si viene giudicati o visti da persone nuove. La paura delle persone nuove e del giudizio, questo è più che la paura del cambiamento.

  6. Come dicono i Cinesi l’unica certezza nella vita e che tutto cambia. Noi non siamo più quelli che eravamo ieri, e il mondo stesso non è più quello di ieri. Certo non è mica facile, ma così va la vita. Se la vita è come il mare allora l’unico modo di affrontarla è fare il surfista, cercando sempre di tenere l’onda e rimontando sulla tavola quando il mare ci butta giù. Perchè alla fine tutto cambia, che lo vogliamo o no. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *