Se riusciamo o no, la responsabilità è nostra

Abbiamo il vizio di scaricare sugli altri la colpa dei nostri fallimenti. Siamo stati trattati ingiustamente (può essere vero); ci hanno preferito un raccomandato (succede); siamo stati sfortunati (capita). Ma finché non ci assumiamo la completa responsabilità di ciò che ci accade non andremo da nessuna parte. Potremo trovare mille scuse, mille capri espiatori. Ma a cosa serve? A nulla. Se non a sentirci vittime impotenti. A evitare di fare autocritica. E quindi di crescere.  Il mondo è pieno di ingiustizie e di sfortune: sono ostacoli da superare. Ce la possiamo fare soltanto se crediamo in noi stessi e nelle nostre capacità.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Life Coach

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

4 risposte a “Se riusciamo o no, la responsabilità è nostra

  1. osservazioni sagge e le ritrovo nelle stesse considerazioni che anche faccio in me ad ogni cadenza decennale… e’ un bel modo di proiettarsi nel futuro lasciandosi indietro un carico di anni non indifferente, da cui però prendere spunto

  2. non scarichiamo la responsabilità delle nostre azioni sugli altri. impariamo ad assumerci la responsabilità di ciò che stiamo per compiere solo così impareremo ad affrontare i nostri errori e a correggeli, naturalmente con l’ausilio delle persone che ci vogliono bene e con tanta buona volontà

  3. Yes, I agree that in dis world, full of unjustice and unfotunate. We must be grateful for what we have, even if we are in the middle of unwanted situation. Sometimes there is always “a meaning” when the unfortunate things happend to us. The meaning that we have to learn for the future.

  4. scaricare sugli altri?mai…mio marito mi accusa sempre di farlo quando si discute….lui è maestro a “girar la frittata” ma io le mie responsabilità me le sono sempre assunte “in the good or bad time” ma a volte uno è stanco…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *