Mario Furlan, life coach – Vivi qui. E ora.

Una delle ragioni per cui siamo irrequieti e insoddisfatti è che non abbiamo ancora imparato a vivere nel qui e ora. Sul lavoro pensiamo a quando torneremo a casa; e non lavoriamo concentrati. A casa pensiamo ai problemi del lavoro, e non ci godiamo la famiglia. Lasciamo che la nostra mente torni al passato, per provare rimpianto o rimorso; oppure che voli nel futuro. Per fantasticare, o per provare paura su ciò che ci attende.
Così ci troviamo ovunque, tranne che nel luogo e nel momento dove dovremmo trovarci. Mentre vivere significa assaporare ogni momento. E lasciare che si sedimenti nel nostro animo. Per diventare un bel ricordo da conservare.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *