Mario Furlan, life coach – Quanta spazzatura hai, nel corpo e nella mente?

"Risveglia il campione in te! 2.0", il nuovo libro di Mario Furlan

“Risveglia il campione in te! 2.0”, il nuovo libro di Mario Furlan

Cosa faresti se qualcuno entrasse in casa tua e ti svuotasse un secchio di spazzatura nel bel mezzo del salotto? Lo cacceresti via a calci. E faresti bene.
Nessuno deve permettersi di sporcarti la casa. Ma forse tu stesso sporchi il luogo in cui abiti costantemente: il tuo corpo. E forse sporchi anche il luogo che dirige ogni tuo pensiero, ogni tua azione: il tuo cervello.
Cosa butti nel tuo corpo? Mangi cibo sano? Fumi? Bevi? E, peggio ancora, cosa butti nella tua mente? Che pensieri ci infili? Quali emozioni? Cosa leggi? Cosa guardi? Cose che ti aiutano, ti motivano, ti fanno migliorare, o robaccia che ti deprime e ti spegne? Da quello che infili nel corpo dipende la tua salute fisica. E da ciò che metti nella testa dipende la tua felicità.

Ogni giorno su Facebook i consigli motivazionali di Mario Furlan!

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Life Coach tag: , ,

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

Una risposta a “Mario Furlan, life coach – Quanta spazzatura hai, nel corpo e nella mente?

  1. Condivido pienamente quello che dice!

    Ci sono momenti però come adesso, che ti crolla il mondo addosso.. forse peggio.
    Quando ci sono persone che non ti capiscono e che invece di venire in contro continuano a peggiorare le situazioni.. come si può affrontare questo ?
    Da premettere che resto e sono sempre positiva, ma appunto, quando vedi nero, la luce non riesci nemmeno ad immaginarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *