Mario Furlan, life coach – Come avere successo nella vita

Mario Furlan, life coach e motivatore

Mario Furlan, life coach e motivatore

Tutti vogliamo avere successo nella vita; molti sono disposti a tutto, pur di averlo. Ma cosa significa, davvero, avere successo?
E’ avere tanti soldi, come Jeff Bezos di Amazon? Avere una grande fama, come l’influencer Chiara Ferragni? Avere molto potere, come Salvini e Di Maio? O tutte e tre le cose insieme, come Trump?
Secondo me il vero successo non è nessuna di queste tre cose. Ma è far sì che ci siano persone che vivono meglio per il fatto che esisti. Più persone stanno meglio grazie a te, più successo hai!
Lo scopo della vita non è rendersi visibili, ma rendersi utili. E il valore di una vita non si misura tanto dalla sua lunghezza, sebbene ci teniamo a vivere a lungo; ma dalla sua profondità. Cioè dall’intensità con la quale l’abbiamo vissuta.

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach e motivatore Mario Furlan
per la tua motivazione e la tua crescita personale!

Maurizio Bocca, commercialista di Milano: “Il nostro lavoro è sempre più difficile”

Maurizio Bocca, commercialista di Milano

Maurizio Bocca, noto commercialista di Milano

Maurizio Bocca, 57 anni, è un noto e affermato commercialista di Milano. Specializzato nell’assistenza fiscale per le piccole e medie imprese, è anche membro del collegio sindacale del colosso siderurgico Rodacciai spa e di Aler Milano, l’ente preposto all’edilizia residenziale pubblica.
Dottor Bocca, cos’è cambiato da quando lei ha iniziato a lavorare come commercialista, quasi quarant’anni fa, ad oggi?
Maurizio Bocca risponde: “E’ cambiato tutto, e non sempre in meglio, anzi. Il lavoro del commercialista si è fatto molto più difficile, complicato. Perché le normative fiscali cambiano in continuazione. E diventano via via più complesse, farraginose. Pertanto noi commercialisti dobbiamo non solo essere sempre aggiornati; dobbiamo anche ricordare le normative passate. Per converso l’utilizzo massivo dell’informatica ha reso tutto molto più veloce da un lato, ma anche più costoso ”.
Come mai, se sono passate?
“Perché se ci sono controlli su annualità pregresse – dobbiamo ricordarci com’era la legge di allora. E dal momento che le leggi cambiano non solo ad ogni governo, ma a volte anche più di una volta con lo stesso governo….”
Ci immaginiamo che bel casino!
“Infatti. E poi, con le nuove leggi, cambiano anche i requisiti per la dichiarazione dei redditi. Oggi richiedono una notevole conoscenza tecnica ed informatica. Quindi non basta l’aggiornamento culturale; serve anche quello tecnologico!”
Un lavoraccio, quello del commercialista!
“Sì, se lo vuoi fare bene, seriamente, senza errori. Errori che, lo sappiamo, è facilissimo commettere. E naturalmente sto parlando di errori in buona fede.  Siamo diventati, in un certo senso, un’emanazione dell’Agenzia delle entrate. Ci addossano ogni tipo di adempimenti fiscali e tributari…”
Ci sono ancora clienti che vanno dal commercialista per evadere il fisco?
“Io non ne conosco, anche se so che ci sono. Seppure meno di una volta. Il cliente esige, semmai, di pagare il meno possibile restando nell’alveo della legalità. E ha ragione: in questo il commercialista è la sua guida”.
Com’è la situazione nel resto d’Europa?
“Molto meglio che da noi. Perché il fisco è molto più semplice. Il rapporto col fisco è chiaro: io, Stato, ti facilito al massimo il compito di versare le imposte. Ma se tu, contribuente, sgarri, ti punisco severamente. Anche con il carcere.
Da noi avviene il contrario: pagare le tasse è complicatissimo, non si distingue come si dovrebbe tra grandi e piccoli evasori, tra chi non paga il giusto perché sbaglia e chi non paga per dolo.
Basta un solo esempio per dimostrare quanto sia difficile fare il proprio dovere di bravo cittadino in Italia: le sembra possibile che il libro delle istruzioni sulla compilazione della dichiarazione dei redditi per le persone fisiche sia un volume di ben 1.100 pagine?

Mario Furlan, life coach – Svuota lo zaino!

Mario Furlan, life coach e motivatore

Mario Furlan, life coach e motivatore

Immagina di avere uno zaino sulle spalle. E’ pieno di sassi. Pesa. Ti rallenta. Ti incurva. Ti affatica. Ti procura il mal di schiena.
Ogni sasso rappresenta uno dolore. Un rancore. Una delusione. Qualcosa di brutto che ti è successo, e che non riesci a lasciar andare. Così te lo porti sulle spalle. E ogni giorno riempi lo zaino di nuovi sassi. Rendendo la tua vita sempre più pesante.
Il passato è un ottimo maestro, ma un pessimo padrone. Continuare a rimuginarlo significa trasportarlo nel presente. Invece di lasciarlo alle nostre spalle, ce lo portiamo sulle spalle.
E’ bene imparare dagli errori del passato, ma l’errore più grande è lasciare che il passato ti rovini il presente e il futuro. Quindi se vuoi vivere sereno, senza logorarti la vita…svuota il tuo zaino! Ogni sera, quando torni a casa, dopo esserti tolto la giacca,non continuare a pensare ai tuoi sbagli e alle cattiverie altrui, ma svuota lo zaino!

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach e motivatore Mario Furlan
per la tua motivazione e la tua crescita personale!

 

Mario Furlan, life coach – Come farti rispettare

Mario Furlan, life coach e motivatore

Mario Furlan, life coach e motivatore

Come farti rispettare e acquisire sicurezza e carisma?
Alcuni comportamenti sono risaputi: non cedere alle insistenze altrui se vanno a tuo danno; non dire dì sì quando vorresti dire di no; non abbassare lo sguardo, non farfugliare, non parlare troppo velocemente o con un tuono di voce troppo basso, non chiudere la postura (ad esempio incrociando le braccia o le gambe).
Altri comportamenti sono meno noti, ma altrettanto efficaci. Come il non ridere quando non è il caso. Un collega dice una barzelletta omofoba? Se qualcuno si comporta male, la persona assertiva non lo ricompensa con un sorriso. Ha il coraggio di restare serio.
Esprimere – con cortesia – il tuo dissenso ti fa guadagnare rispetto: nessuno stima gli yes-men!  Ma soprattutto mostrare serenamente i tuoi punti di debolezza è segno di grande forza. I deboli temono di mostrare le loro fragilità: i forti non le nascondono.

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach e motivatore Mario Furlan
per la tua motivazione e la tua crescita personale!

Mario Furlan, life coach – La chiave del successo

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

Qual è la prima qualità del successo? Il talento? La genialità? L’entusiasmo?
No. Secondo me è la disciplina.
Se sei talentuoso o geniale, ma non ti applichi, le tue doti innate sono inutili. L’entusiasmo è spesso un fuoco di paglia: arde, e poi si spegne. Mentre la disciplina è la capacità di fare ciò che si deve fare. Anche se non si ha voglia. Senza cercare scuse.
Vuoi un corpo da dieci? Vai in palestra bello motivato, ma dopo qualche seduta molli: è troppo faticoso. Vuoi imparare l’inglese? Ti iscrivi a un corso, ma dopo qualche settimana cominci a saltare le lezioni: è troppo pesante.
Il difficile non è il lavoro, bensì avere la disciplina necessaria per lavorare bene nel tempo!

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach e motivatore Mario Furlan
per la tua motivazione e la tua crescita personale!