Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

Marcello Mancini (Performance Strategies) e la rivoluzione nella formazione

Marcello Mancini di Performance Strategies con la moglie Sara Pagnanelli

Marcello Mancini di Performance Strategies con la moglie Sara Pagnanelli: due protagonisti della formazione d’eccellenza in Italia

Marcello Mancini è l’uomo che ha rivoluzionato la formazione in Italia. Con le sue società, Performance Strategies e Life Strategies, organizza i più grandi eventi formativi del nostro Paese. Che si tratti di business e management (con Performance Strategies), o di benessere e spiritualità (con Life Strategies), Mancini riesce, ogni volta, a portare in Italia i più grandi esperti del mondo. E tra pochi giorni, il 17 e 18 novembre, a Milano, Marcello organizza la nuova edizione del Forum delle Eccellenze: due giorni con personaggi del calibro di Marshall Goldsmith, il primo executive coach al mondo; Chester Elton, guru della motivazione e del management; Richard Koch, autore del best-seller “Il principio 80/20”; e altri ancora.

Marcello Mancini: con Performance Strategies i migliori formatori al mondo

“Quando ho fondato Performance Strategies, sei anni fa, volevo fare qualcosa di assolutamente innovativo: portare in Italia, insieme in uno stesso evento, i migliori formatori del mondo” spiega Marcello Mancini. Prima, per ascoltarli, bisognava fare il giro del mondo. Ora, grazie a Mancini, li puoi trovare tutti insieme. Nello stesso posto, negli stessi giorni. Un vantaggio straordinario, una semplificazione enorme.
Nel 2016, sulla scia del successo di Performance Strategies, Marcello Mancini fonda, insieme con la moglie Sara Pagnanelli, Life Strategies: stesso principio, rivolto a un ambito diverso. Non quello professionale, ma quello personale. “Ho capito che per vivere una vita davvero completa e felice devi prendere in considerazione tutti i suoi aspetti, anche quelli interiori” spiega. Ed è un altro boom. Inizia alla grande portando in Italia John Gray, lo psicologo americano autore del famoso best-seller “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere”. E a fine ottobre, a Milano, sarà la volta di Bruce Lipton e Greg Braden, che spiegheranno come possiamo influire sulla nostra salute e i nostri geni con la forza del pensiero. Ci saranno oltre mille persone ad ascoltarli. Tra cui il sottoscritto: perché è un avvenimento davvero imperdibile, per chi si occupa di crescita personale.

Marcello Mancini e la casa editrice Roi Edizioni, leader nella formazione

Quest’anno Mancini ha fatto un altro passo importante nel mondo della formazione: ha dato vita alla casa editrice Roi, acronimo di Return on Investment (investimento che frutta). La sua caratteristica: essere la casa editrice dei top thinkers internazionali. “Perché è proprio così: investire su noi stessi è il miglior investimento che possiamo fare” dice Mancini. E aggiunge: “O ti formi, o ti fermi… perché resti indietro!” La casa editrice ha già messo a segno alcuni colpacci: libri di Oren Klaff, Derek Sivers, Jill Konrath, Giulio Cesare Giacobbe, Filippo Ongaro, Igor Sibaldi…
“Come Life Strategies è stata la logica prosecuzione di Performance Strategies, così Roi Edizioni è lo sbocco delle attività di entrambe” dice Marcello Mancini. “Avvertivo l’esigenza di affiancare i corsi a libri che aiutassero ad approfondire gli argomenti”.
Tutte le aziende create da Mancini hanno sede a Macerata, la sua città. E quando parla di Roi Edizioni, Marcello non nasconde la commozione. “Mio padre era tipografo, da bambino giocavo tra i libri… o ora, a pochi passi da dove lavorava lui, ho aperto la mia casa editrice. Un ritorno alle origini…”

Con DireFare Marcello Mancini è protagonista dell’impegno sociale

Marcello Mancini non è soltanto leader di mercato nella formazione. E’ anche un protagonista dell’impegno sociale. Dopo il terremoto che nell’agosto 2016 ha devastato la sua regione, le Marche, Marcello, insieme a Sara, decidono di darsi da fare in prima persona.  Fondano “Dire Fare”, una non profit dedicata a raccogliere fondi per le emergenze. E organizzano, in poche settimane, il più grande evento formativo mai realizzato in Italia. Nel teatro di Ascoli Piceno, per un fine settimana lo scorso gennaio, oltre 40 volti noti si sono susseguiti sul palco in una non-stop benefica. Tra loro nomi conosciuti nella formazione, come Roberto Re e Alfio Bardolla; ma anche personaggi pubblici come il regista Pupi Avati e l’ex allenatore della Nazionale di calcio Arrigo Sacchi. E tutti sono venuti gratis. “Il nostro obiettivo era quello di donare il 100% dell’incasso senza detrarre neppure un euro per le spese. Ognuno di noi si è pagato anche vitto e alloggio.” racconta soddisfatto Marcello. L’evento, il primo in cui il mondo della formazione si riunisce per fare del bene, ha fruttato 250mila euro. Che sono serviti per costruire una palestra nella scuola di Acquasanta, dove prima non c’era.
“Inoltre abbiamo creato un indotto di circa 100mila euro con 900 persone che sono venute da tutta Italia a partecipare a Dire Fare” calcola Marcello Mancini, che non ha nemmeno voluto accostare i suoi loghi all’evento. “Perché è stata un’iniziativa totalmente senza fine né di lucro, né di pubblicità.  “E’ stato un weekend importante per tutti. Per il territorio martoriato dal terremoto; per i formatori, che sono stati felici di aiutare; e per i partecipanti, che hanno preso parte ad un evento formativo unico”. Unico, ma non irrepetibile. Perché Dire Fare non si esaurisce con l’auto alle vittime del terremoto in Italia Centrale. “Siamo pronti ad intervenire in altri casi di disastro, ormai la macchina è rodata” assicura Mancini. Perchè tra il Dire e il Fare c’è il mezzo il Fare, e a volte anche il Dare”

 

Mario Furlan, life coach – Risollevati così!

Il life coach e motivatore Mario Furlan

Il life coach e motivatore Mario Furlan

Tutti, prima o poi, cadiamo. Ma non tutti ci risolleviamo allo stesso modo, e nello stesso tempo. Ed è ciò che fa la differenza.
C’è chi cade e si risolleva dopo molto tempo. A volte senza più riprendersi completamente. E chi, invece, ha la forza d’animo di tirarsi su.
E’ normale avere periodi di abbattimento, scoraggiamento, depressione. Per un rovescio sul lavoro; un problema familiare; un lutto. Tutti ci buttiamo giù. Ma non tutti ci tiriamo su.
Per non restare a terra, pensa a lungo termine. In prospettiva. Oggi ti senti distrutto. Ma tra sei mesi, un anno…  la vita andrà avanti. Quello che oggi sembra la fine del mondo, domani potrebbe apparirti come la fine del tuo vecchio mondo. E l’inizio di uno nuovo.
A patto che tu superi il momento di scoramento. E pensa a ciò che puoi fare, non a ciò che non puoi più fare. Pensaci… e poi agisci!

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach Mario Furlan!

Cosmo Simone (Natural Point): Nutriamo meglio corpo e mente!

Cosmo Simone di Natural Point con il suo Magnesio Supremo

Cosmo Simone di Natural Point con il suo Magnesio Supremo

Cosmo Simone, 63 anni, è uno dei tre fondatori di Natural Point, tra le prime aziende di integratori naturali. Chi non conosce, ad esempio, il  Magnesio Supremo? “Prima che arrivassimo noi, il magnesio era quasi sconosciuto – dice Cosmo. – Oggi, invece, quasi tutti sanno che aiuta ad assorbire meglio il calcio. E che è un integratore fondamentale per il benessere”.
Cosmo Simone viene da Calatafimi, la cittadina siciliana famosa per la battaglia di Garibaldi. Suo padre era contadino. Coltivava il grano. E metteva sempre da parte un po’ di semi per l’anno successivo. Come si era sempre fatto. Poi sono arrivate le multinazionali delle sementi. Che hanno imposto le loro regole. O compravi il seme da loro, o il consorzio non avrebbe più comprato il tuo grano.
“Così, nei primo anni 60, mio padre, amareggiato, mollò i campi” ricorda Cosmo. “Non accettava di st ravolgere il suo lavoro. E di avvelenare il terreno, che lui aveva coltivato con tanto amore, con il grano geneticamente modificato”. Un grano che resiste a tutto, ma depaupera la terra. E la rende sterile.
Cosmo Simone vuole ribellarsi a questa agricoltura invasiva, senza scrupoli. E alle aziende alimentari che immettono sul mercato cibi privi di valore nutritivo, svuotati dei loro elementi più preziosi. Così, nel 1993, insieme a due soci decide di fondare a Milano la Natural Point. “Andavo al supermercato, leggevo le etichette dei prodotti e capivo che dentro non c’era rimasto più niente di buono” dice Cosmo. “Cosa potevo fare, per contrastare tutto ciò? Potevo proporre integratori naturali, sani. Che fornissero al corpo ciò che il corpo non riusciva più a prendere dal cibo”.
Sulla scia del successo del Magnesio Supremo, l’azienda prende il volo. E oggi ha un’ottantina di prodotti, tutti di altissima qualità: come l’orzo pregermogliato, ottimo per i diabetici; l’Amicolon, che ripulisce il colon; o il Curzen, che contiene insieme curcuma e zenzero, due toccasana.
“In questi 25 anni abbiamo contribuito a far crescere la coscienza alimentare dei consumatori” “abbiamo aumentato la consapevolezza delle persone sugli integratori alimentari e sul loro utilizzo” conclude  Cosmo.

Mario Furlan, life coach – Il segreto della saggezza

E’ una domanda che, come life coach, mi sono posto spesso: da cosa deriva la saggezza? Non dal tempo che passa: conosciamo quarantenni saggi e ottantenni che non lo sono affatto. E’, invece, il frutto della capacità di imparare dal tempo che passa. Dalle proprie esperienze. E dai propri errori.
C’è chi viaggia attraverso la vita senza guardarsi intorno. E quindi senza imparare nulla. E chi, invece, sfrutta ogni giornata per osservare, riflettere e imparare qualcosa. Prova a scrivere su un quaderno, ogni sera, ciò che hai imparato durante la giornata. Ti servirà per riflettere su quanto hai fatto. E, giorno dopo giorno, acquisirai saggezza.

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

Difesa personale efficace: i 5 punti

Difesa personale efficace: il nuovo libro di Mario Furlan sull’autodifesa istintiva

Difesa personale efficace: se ne parla tanto, ma cos’è?
Secondo la mia esperienza, per essere efficace l’autodifesa non deve insegnarti solo una sequenza di mosse: uno-due-tre-quattro. Perché nella vita reale non funziona così. Non puoi prevedere cosa succederà tra una frazione di secondo: una collutazione è talmente veloce, e talmente caotica, che non puoi programmare le tue azioni.
La vera difesa personale efficace deve invece tenere conto di questi 5 punti, spesso disattesi:
1) Difesa personale psicologica
La psicologia è almeno l’80% della difesa personale. La gestione del tuo stato d’animo, e la capacità di influenzare quello altrui, è basilare;
2) Difesa personale preventiva
Prevenire è meglio che curare. Un buon corso di autodifesa ti deve insegnare innanzitutto ad evitare di cacciarti nei guai!
3) Difesa personale istintiva
Nei momenti di pericolo la mente razionale va in tilt. Ed è l’istinto a salvarti. Per questo la difesa personale più efficace è l’autodifesa istintiva: quella che funziona anche quando sei sotto forte stress;
4) Difesa personale semplice
Se ti incasini con le mosse di autodifesa in palestra, dove sei sereno e con un partner d’allenamento collaborativo, come pensi di poter gestire la situazione nella realtà? Dove te la fai sotto, e le belle mosse, che in palestra fanno tanto figo, diventano impossibili non solo da applicare, ma anche da ricordare?
Più la difesa personale è semplice, senza fronzoli, essenziale, meglio è!
5) Difesa personale collaudata
Non basta elaborare belle mosse: bisogna vedere come funzionano nella pratica, in condizioni realistiche.
Il Wilding, la difesa personale creata da me creata, nasce dalla mia esperienza non in palestra, ma sulle strade più pericolose d’Italia. Infatti ho fondato nel 1994, a Milano, i City Angels. Si tratta di volontari anticrimine che, collaborando con le forze dell’ordine, prevengono e contrastano la delinquenza. E ho capito cosa serve solo a fare coreografia in palestra… e cosa è davvero efficace nella vita reale!

Mario Furlan, life coach – Come restare delusi

Il life coach Mario Furlan

Il life coach Mario Furlan durante un corso

Si dice, scherzando ma non troppo, che gli uomini sposino le donne sperando che non cambino. Che le donne sposino gli uomini sperando, invece, che cambino. E che entrambi restano delusi.
Restiamo delusi se ci aspettiamo che gli altri facciano quello che vogliamo. Ci ergiamo a unità di misura del bene e del male, del giusto e dello sbagliato. E se gli altri non fanno ciò che vorremmo, la colpa è loro.
Imparare a rispettare la volontà altrui ci aiuta ad andare d’accordo con gli altri. E non si tratta solo di volontà, ma anche di consapevolezza. La velocità di crescita interiore cambia enormemente da persona a persona. In qualcuno è immobile: hai mai conosciuto anziani infantili come adolescenti?
L’unica cosa che possiamo fare è accettare gli altri così come sono. Ed essere noi stessi quelli che cambiano. Se noi miglioriamo, magicamente il mondo intorno a noi farò lo stesso!

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Comincia a rifarti il letto!

Mario Furlan, life coach, durante un corso di motivazione

Nella mia attività di life coach, mi capita spesso di incontrare persone che dicono di voler ribaltare la loro vita. E mi chiedono da che parte iniziare. Al che le invito a rifarsi il letto ogni mattina.
Sbarrano gli occhi, come se fossi matto.
E allora spiego che bisogna iniziare dal piccolo. Con l’effetto domino. Una piccola azione virtuosa ne innesca un’altra.  Se, ad esempio, rifai il letto, o vai a correre, dopo esserti alzato, cominci a dare una direzione alla tua giornata. Accresci la tua autostima. E poi sarà più facile intraprendere altre azioni, più impegnative. Perché avrai iniziato con piede giusto!

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach Mario Furlan!

Gianfranco Aiello, il dentista che dona il sorriso a star e senzatetto

Il dentista Gianfranco Aiello con un calciatore suo paziente

Il dentista Gianfranco Aiello con il calciatore Niang, suo paziente e amico

Il professor Gianfranco Aiello, fondatore e presidente dell’Accademia di estetica dentale italiana, è un dentista molto apprezzato, sicuramente tra i più noti del nostro Paese. Si divide tra il suo studio di Milano e quello di Salerno. Tra i clienti ci sono il rapper Emis Killa, il calciatore Mario Balotelli, la squadra del Milan, il presentatore Daniele Interrante. Ma lui, Gianfranco Aiello, non è soltanto un luminare nel suo campo. E’ anche un uomo di grande cultura, e una persona attenta ai più deboli.

Il dentista Gianfranco Aiello inizia parlando delle ultime novità nel suo settore, che lui sta già applicando. Come l’apparecchio invisibile: si monta sul retro dei denti, in sei mesi li raddrizza. “Li ha raddrizzati anche a una mia paziente di 72 anni” dice orgoglioso. Parla anche delle terapie pionieristiche che applica nelle cure alle gengive: “I problemi gengivali sono il nemico numero uno” assicura. Ma poi passa a parlare del suo contributo alla vita culturale del suo Sud, che si intreccia con la sua vita familiare.

Dodici anni fa muore il padre Domenico. A 13 anni, rimasto orfano di entrambi i genitori, aveva dovuto vendere la casa paterna di Moliterno (Potenza) per mantenersi agli studi. Serbando per tutta la vita il rimpianto per non aver potuto tornare in quella casa. Sulla tomba del padre, il figlio dentista promette che gliela farà riavere. “Il caso – o la provvidenza – mi hanno aiutato” dice il dentista Aiello. Poco dopo la casa dei suoi nonni va in vendita. Lui la compra. E la trasforma nel Museo della Lucania, unico nel suo genere, arricchendola di quadri, stampe e libri di scrittori lucani. Ci sono opere di grande valore, come quelle di Michele Tedesco, un macchiaiolo. Da quattro anni il Museo è aperto tutti i giorni. Ed è diventato meta di chiunque voglia conoscere meglio la Basilicata.

Ora il dentista Gianfranco Aiello ha un altro obiettivo: aprire un secondo museo nello stesso paese. “Si chiamerà Palazzo Aiello 1786 – proclama fiero. – Aiello, perché l’edificio era di mia nonna paterna; 1786, perché il palazzo risale a quell’anno”. Un gioiello di architettura storica, che nei prossimi mesi verrà inaugurato come museo dell’Ottocento e Novecento italiano. Ospiterà quadri e opere di artisti italiani e stranieri che facevano il Grand Tour al Sud. E sarà un museo di caratura europea. Mecenate, e anche samaritano: Aiello cura gratis la bocca di persone indigenti. Senzatetto, rom, anziani poveri. Una fortuna, per loro, avere il dentista dei vip a loro disposizione…

Mario Furlan, life coach – Nell’occhio del ciclone

Il ciclone distrugge tutto ciò che incontra: lo stiamo vedendo proprio in questi giorni in Florida. Ma nel cuore del ciclone, nel suo occhio, il vento non soffia: regna la calma.
Quando abbiamo un grave problema, diciamo che ci sentiamo nell’occhio del ciclone: travolti, schiacciati, sbattuti di qua e di là. Ma se vogliamo usare questa metafora in positivo, ricordiamoci che nell’occhio della tempesta c’è la pace. Ed è quello che fanno le persone forti quando sono in difficoltà. I deboli si lasciano travolgere dal ciclone: si arrabbiano, imprecano, danno in escandescenze; oppure si chiudono, paralizzati dal terrore. I forti, invece, riescono a restare sereni. A usare il cervello. E a stare nel centro dell’uragano proprio quando tutti intorno ne restano sopraffatti.

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach Mario Furlan!

Il life coach e motivatore Mario Furlan

Il life coach e motivatore Mario Furlan

Mario Furlan, life coach – Sei uno sfigato?

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

Da life coach ho capito che è una regola: tutti gli sfigati, cioè le persone insoddisfatte della loro vita, hanno queste tre caratteristiche.
1) Sono pronti ad accusare. Chiunque: i genitori, i figli, il partner, gli amici, l’azienda, la società…
2) Sono pronti a giustificarsi. La colpa, si sa, è sempre degli altri, e mai loro;
3) Si lamentano, sterilmente, in continuazione.
La cura alla sfiga? Fare l’esatto contrario. Quindi:
1) Assumersi la responsabilità dei propri successi e insuccessi, senza cercare capri espiatori;
2) Non piangersi addosso, ma cercare una soluzione!

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach Mario Furlan!