Mario Furlan, life coach – Siamo in guerra. Ed è tempo di eroi!

Bergamo: i City Angels alla mensa dei poveri

Bergamo: i City Angels in servizio quotidiano alla mensa dei poveri

Chi sono gli eroi?
Sono persone ordinarie che fanno cose straordinarie.
Hanno paura, come tutti noi. Ma  vincono la paura, per fare ciò che sanno essere giusto. Per rendersi utili. Per aiutare. Per salvare.
Un colorito proverbio napoletano recita così: quando il mare è calmo, ogni strunzo è marinaio. Infatti è con la tempesta che si vede chi sa navigare davvero. Ed è soprattutto nei momenti più difficili che si vede di che pasta siamo fatti. C’è chi scappa. Chi si lascia travolgere dal panico. E chi, invece, resta calmo. E fa il suo dovere.
In questi giorni siamo in guerra contro il Coronavirus. E’ una guerra contro un nemico tanto invisibile quando insidioso e letale, che sta seminando panico e morte nel mondo.
Ed è in guerra che emergono gli eroi. Nel 1940 Winston Churchill ebbe la forza d’animo di sfidare Hitler, quando tutti volevano arrendersi. Oggi abbiamo eroi come Giampiero Giron, il medico di 85anni che dalla pensione è tornato in ospedale, vista la terribile emergenza. Alla sua età rischia. E molto. Ma il dovere lo chiama. E non si tira indietro. Come i nostri straordinari medici e infermieri, che si stanno prodigando con turni massacranti per salvare vite.
Se penso ad eroi di oggi che conosco di persona mi vengono in mente i City Angels di Bergamo, la città epicentro di questa pandemia. Ogni giorno, 7 giorni su 7, portano la spesa e i farmaci agli anziani soli, che non possono uscire di casa. Tantomeno in queste settimane. Inoltre gli Angeli, a pranzo e a cena, tengono aperta la mensa dei poveri vicino alla stazione. Per far sì che anche in questo periodo terribile i più deboli possano mangiare. Ad ogni pasto arrivano dalle 100 alle 200 persone. E capita che, soprattutto alla sera, i volontari abbiano a che fare con balordi, ubriachi e violenti. Che si rifiutano di tenere la distanza di sicurezza. O che scatenano risse. Riportarli alla ragione, o allontanarli, per giunta senza avvicinarsi troppo a loro non è per niente facile…
In questa situazione i City Angels hanno paura. Come chiunque, al loro posto. Molti, al loro posto, mollerebbero. Ma loro no.

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach e motivatore Mario Furlan per la tua motivazione e la tua crescita personale!

Mario Furlan, life coach – Come il virus ci cambia

La pandemia ci ha fatto riscoprire il patriottismo

La pandemia di Coronavirus ci ha fatto riscoprire patriottismo e solidarietà

L’essere umano tende, per natura, ad essere conservatore. A non uscire dalla sua zona di agio. E ad andare avanti come ha sempre fatto.
Per cambiare ci vuole fatica. E ci vuole, spesso, uno choc. La pandemia di Coronavirus, con la, ahimè, inevitabile recessione economica che ne seguirà – è uno choc di proporzioni enormi. Per tutti noi.
Può cambiarci in peggio. Rendendoci più chiusi. Più egoisti. Più meschini. Come nazione. E come persone. Il presidente Donald Trump ha cercato di comprare, in esclusiva per gli Usa, il vaccino da una casa farmaceutica tedesca. Non si tratta più di “America first”, ma di “America only”: esistono solo gli americani, e il resto dell’umanità si arrangi. Nei momenti di panico in alcuni si scatena, infatti, una tendenza a pensare solo a se stessi e ai propri cari: io speriamo che me la cavo. Sulla tolda del Titanic che stava affondando i passeggeri si prendevano a pugni per poter salire sulle poche scialuppe rimaste: faremo come loro? Ci scanneremo tra nazioni e tra persone, senza renderci conto che siamo tutti nella stessa barca che sta imbarcando acqua?
Oppure il Coronavirus può cambiarci in meglio. Facendoci riscoprire il valore della solidarietà: io ti aiuto volentieri, sapendo che tu, a tua volta, mi aiuterai. Noi City Angels stiamo ricevendo molte offerte di aiuto da parte di tanti: chi ci vuole regalare cibo per i senzatetto, chi le mascherine, chi vuole fare volontariato con noi…
Stiamo già diventando più patriottici, e questo è un bene: si vedono bandiere italiane sventolate dai balconi, ci sentiamo parte di un grande popolo che sta lottando insieme. Il patriottismo è ben diverso dal nazionalismo: non è ostile verso gli altri popoli, ma se può li aiuta.
Inoltre, una volta che la pandemia sarà terminata, potremo cambiare in meglio riassaporando l’inestimabile valore della normalità. Torneremo ad apprezzare, a gustare, a valorizzare la nostra vita quotidiana. Ad essere felici di fare cose semplici, banali, eppure fondamentali: poterci spostare, stare insieme, abbracciare.
Purtroppo capiamo il valore di ciò che abbiamo, e di chi abbiamo, soltanto quando li perdiamo. E ritrovarli è come rinascere.

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach e motivatore Mario Furlan per la tua motivazione e la tua crescita personale!

Mario Furlan, life coach – Coronavirus: emergenza sanitaria ed emergenza psichiatrica

Effetto isteria da coronavirus: supermercati presi d'assalto e scaffali vuoti

Effetto isteria da coronavirus: supermercati presi d’assalto e scaffali vuoti

La psicosi da coronavirus, cui stiamo assistendo in questi giorni, è una conferma della nostra emotività. E del predominio del cervello rettiliano sulla neocorteccia.
Noi umani siamo,com’è risaputo, molto più emotivi che razionali. Se fossimo razionali prenderemmo certamente tutte le doverose precauzioni che servono per evitare il contagio, ma terremmo a mente che si tratta pur sempre di una malattia infettiva raramente mortale, e per alcuni versi abbastanza simile ad altre che già conosciamo. Ricordiamoci che la banale influenza uccide, solo in Italia, oltre 4mila persone l’anno. Quindi è giustissimo essere prudenti, sbagliatissimo lasciarsi travolgere dal terrore.
Quindi non prenderemmo d’assalto i supermercati, come se fossimo in guerra; e non saremmo immersi in questo clima di isteria collettiva. La psicosi, ahimè, si trasmette ancora più velocemente del virus: se siamo circondati da gente in preda al panico, e leggiamo e vediamo notizie catastrofiche, ci impanichiamo anche noi.
Quando siamo impauriti, la neocorteccia – l’area più evoluta della nostra mente – viene soppiantata da quella più antica: il cervello rettiliano. Che ha un solo scopo: farci sopravvivere. Pertanto vede nemici, minacce, pericoli dappertutto. Anche dove non ci sono. E dove ci sono, li esagera.
In questi giorni non stiamo vivendo soltanto un’emergenza medica, ma anche una psicologica.  Che, a volte, sconfina nella psichiatria. E questa seconda emergenza è, forse, ancora più inquietante della prima.
Altrettanto inquietante è un’altra riflessione che mi viene da fare: questo panico è solo frutto dell’emotività delle masse, oppure c’è qualcuno, in alto, che ci marcia su? Qualcuno che ha interesse a terrorizzarci, per fare soldi o per raccogliere voti? Chissà…

Ogni giorno su Facebook  i consigli del life coach e motivatore Mario Furlan per la tua motivazione e la tua crescita personale!