Gianfranco Aiello, il dentista che dona il sorriso a star e senzatetto

Il dentista Gianfranco Aiello con un calciatore suo paziente

Il dentista Gianfranco Aiello con il calciatore Niang, suo paziente e amico

Il professor Gianfranco Aiello, fondatore e presidente dell’Accademia di estetica dentale italiana, è un dentista molto apprezzato, sicuramente tra i più noti del nostro Paese. Si divide tra il suo studio di Milano e quello di Salerno. Tra i clienti ci sono il rapper Emis Killa, il calciatore Mario Balotelli, la squadra del Milan, il presentatore Daniele Interrante. Ma lui, Gianfranco Aiello, non è soltanto un luminare nel suo campo. E’ anche un uomo di grande cultura, e una persona attenta ai più deboli.

Il dentista Gianfranco Aiello inizia parlando delle ultime novità nel suo settore, che lui sta già applicando. Come l’apparecchio invisibile: si monta sul retro dei denti, in sei mesi li raddrizza. “Li ha raddrizzati anche a una mia paziente di 72 anni” dice orgoglioso. Parla anche delle terapie pionieristiche che applica nelle cure alle gengive: “I problemi gengivali sono il nemico numero uno” assicura. Ma poi passa a parlare del suo contributo alla vita culturale del suo Sud, che si intreccia con la sua vita familiare.

Dodici anni fa muore il padre Domenico. A 13 anni, rimasto orfano di entrambi i genitori, aveva dovuto vendere la casa paterna di Moliterno (Potenza) per mantenersi agli studi. Serbando per tutta la vita il rimpianto per non aver potuto tornare in quella casa. Sulla tomba del padre, il figlio dentista promette che gliela farà riavere. “Il caso – o la provvidenza – mi hanno aiutato” dice il dentista Aiello. Poco dopo la casa dei suoi nonni va in vendita. Lui la compra. E la trasforma nel Museo della Lucania, unico nel suo genere, arricchendola di quadri, stampe e libri di scrittori lucani. Ci sono opere di grande valore, come quelle di Michele Tedesco, un macchiaiolo. Da quattro anni il Museo è aperto tutti i giorni. Ed è diventato meta di chiunque voglia conoscere meglio la Basilicata.

Ora il dentista Gianfranco Aiello ha un altro obiettivo: aprire un secondo museo nello stesso paese. “Si chiamerà Palazzo Aiello 1786 – proclama fiero. – Aiello, perché l’edificio era di mia nonna paterna; 1786, perché il palazzo risale a quell’anno”. Un gioiello di architettura storica, che nei prossimi mesi verrà inaugurato come museo dell’Ottocento e Novecento italiano. Ospiterà quadri e opere di artisti italiani e stranieri che facevano il Grand Tour al Sud. E sarà un museo di caratura europea. Mecenate, e anche samaritano: Aiello cura gratis la bocca di persone indigenti. Senzatetto, rom, anziani poveri. Una fortuna, per loro, avere il dentista dei vip a loro disposizione…