Tra fantasia e desiderio

Fantasticare serve solo a perdere tempo. Desiderare intensamente, invece, serve. Nel primo caso immagini un evento positivo, ma lo consideri vago, di aleatorio. E, sapendo che difficilmente si verificherà, potresti sentirti frustrato. Se invece desideri qualcosa a livello emotivo, sei profondamente coinvolto e sei convinto che si realizzerà, ecco che nella tua mente si formano immagini precise del tuo obiettivo. Dal momento che la mente ragiona per immagini, ti sentirai più motivato a raggiungerlo. E avrai un atteggiamento positivo, entusiasta, da chi ha le idee chiare e sa ciò che vuole: un atteggiamento che ispira fiducia.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Life Coach

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

Una risposta a “Tra fantasia e desiderio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *