Mario Furlan, life coach – Mancanza di motivazione? Quattro passi per ritrovarla!

Mario Furlan, life coach e motivatore

Mario Furlan, life coach e motivatore

Sei demotivato? Hai bisogno di una iniezione di motivazione personale, ma non sai come fare?
Consolati. Anche a me capitava di trascorrere giornate demotivato, senza mordente né stimoli, con le gomme a terra. Ora mi succede molto meno. E quando mi succede, la mancanza di motivazione non mi dura giorni, ma ore. Ecco, sulla base della mia esperienza, cosa ti consiglio di fare. Si tratta di quattro semplici passi per ritrovare la motivazione. Puoi farli tutti e quattro, o anche soltanto uno o due: comunque tu decida, vedrai che ti saranno utili per rimotivarti.

I 4 passi per ritrovare la motivazione

1) Fai qualcosa che ti motivi. Che ti ispiri e dia la carica: ascolta quella canzone, leggi qualche pagina di quel libro, visita quel blog motivazionale, quel canale su YouTube dove trovi articoli che sembrano scritti proprio per te..
2) Pensa a qualcosa di cui vai fiero: ti sentirai subito meglio. E richiama alla mente il motivo per cui stai svolgendo quella mansione che al momento non ti piace. Rifletti, quindi, sul perché;
3) Condividi il tuo momento difficile con altri. Ti potranno incoraggiare, e ti renderai conto che certe emozioni distruttive non sono soltanto tue: le provano anche loro. Anche loro, che pur sembrano positivi e sorridenti, si ritrovano ogni tanto demotivati;
4) Agisci, invece di crogiolarti nel malumore o nello scazzo. Fai qualcosa che sai che va fatto. Anche se non hai voglia. Una volta che inizi, e che ti concentri sul farlo bene, il resto della strada è in discesa. Perché la mente non si focalizza più sulla noia che provi nel farlo, bensì su come farlo al meglio.
Tutti, prima o poi, ci sentiamo demotivati. Ma solo i migliori sanno superare quei periodi, senza aspettare che passino da soli (campa cavallo!) Molti trascorrono l’intera vita scoglionati… tu sei diverso, vero?

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Due cattive abitudini

Abbiamo due cattive abitudini, che ci impediscono di crescere e di avere buoni rapporti con gli altri: ci lamentiamo, invece di darci da fare; e critichiamo, invece di capire.
Lamentarsi degli altri, della vita, della società ci fa sentire vittime. Impotenti. Oltre che renderci pallosi. E criticare gli altri, invece di capirli, guasta i rapporti con loro.
Si tratta invece di capire che ciascuno di noi è diverso. Le nostre reazioni, il nostro modo di ragionare sono diversi. E non è detto che il nostro sia il migliore.
Invece di cercare cose da criticare negli altri, perché non accettiamo, e se possibile apprezziamo le differenze tra noi e loro? Perché non cerchiamo di metterci nei loro panni? Potremmo vedere la realtà da un’ottica diversa. E imparare.

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Risveglia il campione in te!, best-seller motivazionale del life coach Mario Furlan

Risveglia il campione in te!, un libro che ti aiuta a cambiare le tue cattive abitudini

Mario Furlan, life coach – La Terra è piatta!

La "prova definitiva e inconfutabile" che la Terra è piatta

La “prova definitiva e inconfutabile” che la Terra è piatta

Non è uno scherzo: la Flat Earth Society esiste davvero. E’ un’associazione che si batte perché si torni, dopo secoli, a dimostrare che la Terra è piatta. E che chi invece sostiene dice che sia una sfera è un venduto. Un nemico del popolo, e un agente di un bieco complotto mondiale dei poteri forti.
Non c’è peggior cieco di chi non vuole vedere. E peggior sordo di chi non vuole ascoltare. Se, nonostante tutte le prove, c’è ancora chi crede che la Terra sia piatta, significa che a volte non ci si arrende nemmeno davanti all’evidenza. E si continua, imperterriti, a difendere la propria insostenibile tesi.
Anche noi, a volte, siamo così. Ci rifiutiamo di aprire gli occhi. Per pregiudizio. Per pigrizia. O perché non vogliamo ammettere l’errore. Pensiamo che confessare di avere sbagliato ci faccia apparire stupidi e deboli. Invece sono gli intelligenti, e i forti, che hanno il coraggio di dire Ho sbagliato.

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Perché preferiamo le bugie alla verità

La vignetta citata da Mario Furlan

La vignetta citata da Mario Furlan: Bugie comode e Verità scomode

Ho sotto gli occhi una vignetta in cui si vedono due sportelli. Sopra uno è scritto “Bugie comode”. Sopra l’altro “Verità scomode”. Davanti ad uno – indovina quale! – si snoda una lunga fila di persone. Davanti all’altro non c’è nessuno.
Le bugie comode sono quelle che attribuiscono sempre la colpa dei tuoi problemi agli altri: i genitori, il partner, i colleghi, l’euro… Così ti senti sollevato da qualunque responsabilità. Il tuo destino non dipende da te: sono quelli là, quei maledetti, che complottano contro di te!
Le verità scomode, al contrario, ti costringono a guardarti dentro. E a riconoscere i tuoi errori.
Chi ricorre alle bugie comode è un immaturo: non ha la forza di prendere in mano la sua vita. Mentre chi affronta con coraggio le verità scomode è un adulto. Uno dei pochi.

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Il bello e il brutto

Mario Furlan, life coach e motivatore

Mario Furlan, life coach e motivatore

Spesso non sono le cose in sé ad essere belle o brutte, ma è la nostra reazione emotiva a farle apparire tali.
La Juve ha vinto il settimo scudetto consecutivo. Può essere una notizia ottima o pessima, a seconda che tu sia o no juventino. Puoi pensare che la Juve sia l’orgoglio del nostro calcio. Oppure che, vincendo sempre, abbia instaurato una dittatura.
Nasce il governo Salvini – Di Maio. Sei speranzoso o preoccupato? Anche in questo caso dipende dalle tue idee politiche.  Puoi esultare perché le tasse caleranno, si andrà in pensione prima e i disoccupati riceveranno lo stipendio; oppure puoi metterti le mani nei capelli pensando all’aggravio per le casse pubbliche.
Comunque tu la veda, non puoi farci nulla se la Juve vince o perde; e puoi farci ben poco se il governo riesce o fa cilecca. Ci sono cose, volente o nolente, che sono del tutto, o in gran parte, fuori dal tuo controllo. Quindi tanto vale concentrarti su ciò che invece riesci a influenzare. E sull’unica persona che, a fatica, puoi controllare: te stesso!

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Guai se rinunci a QUESTO!

Risveglia il campione in te!, best-seller motivazionale del life coach Mario Furlan

Risveglia il campione in te!, best-seller motivazionale del life coach Mario Furlan

Quando volgiamo lo sguardo al passato, di solito ricordiamo due momenti con particolare intensità: quelli di grande gioia. E quelli di grande dolore.
Per molti i momenti di grande gioia, di euforia, di forte emotività si rarefanno dopo la gioventù. Fino a sparire quasi del tutto. Perché? Perché abbiamo paura di metterci in gioco. Di cambiare. Di uscire dalla zona di agio. Nell’illusione di non soffrire rinunciamo a gioire. Ma è un’illusione falsa. Perché la vita ci presenta comunque delusioni, tradimenti, tragedie.
Pertanto è sciocco rinunciare a ciò che il tuo cuore brama per timore di restare deluso. Anzi: resterai ancora più deluso. Perché avrai rinunciato a ciò che rende la vita degna di essere vissuta: i momenti di intensa felicità.

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – L’effetto Diderot

Denis Diderot con la sua vestaglia di seta rossa

Denis Diderot con la sua vestaglia di seta rossa

Il filosofo e illuminista francese Denis Diderot conduceva una vita modesta. Fino a quando, all’età di 52 anni, nel 1765, l’imperatrice di Russia Caterina la Grande gli comprò la libreria per una cifra cospicua. Improvvisamente, Diderot era benestante. E per prima cosa si comprò una morbida vestaglia di seta rossa.
Da allora la sua vita cambiò. In peggio. Al punto che, anni dopo, il filosofo maledì la sua improvvisa fortuna. Perché mentre prima si accontentava di una vita semplice e frugale, improvvisamente gli sembrò indispensabile cambiare tenore di vita. Ciò che gli andava bene prima non lo soddisfaceva più.
Le spese si moltiplicarono. Entrò in una spirale di acquisti, e non era mai contento: voleva sempre di più.
Accade anche a noi, quando gli acquisti sono come le ciliegie: uno tira l’altro. Pensiamo che ci manchi solo una cosa per essere appagati… ma non è mai così. Ce n’è sempre un’altra ancora.
Ecco perché serve evitare di cadere nel cosiddetto Effetto Diderot. Un conto è vivere bene, un altro è diventare schiavi del consumismo. Con un duplice effetto negativo: essere sempre insoddisfatti, e spendere i propri soldi senza che questo porti alcun beneficio!

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – La gestione del tempo

Mario Furlan, life coach ed esperto di gestione del tempo

Mario Furlan, life coach ed esperto di gestione del tempo

“Non ho tempo!” Tutti lo diciamo, ma pochi sanno che non troveremo mai tempo per nulla. Perché il tempo non va trovato. Va creato. E non sei efficace se non sai gestire la tua risorsa più importante: il tempo.
Ti preme davvero fare qualcosa? Crea il tempo. Eliminando qualcos’altro. Oppure imparando ad usare il tuo tempo in modo più efficiente: senza perdere tempo, senza tirarla per le lunghe.
Una volta che hai deciso come investire il tuo tempo, difendilo a spada tratta. Non lasciarti distrarre: da telefonate, messaggi, social. Un’ora di totale concentrazione può rendere molto di più di una giornata piena di distrazioni!

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – La parola più importante

Mario Furlan, life coach, autore del best-seller “Tu puoi!”

Sai qual è la parola più importante nella tua vita?
E’ la parola “Comincia!”
Perché?
Perché siamo abituati a rimandare. Prima di fare qualcosa di scomodo, di difficile, di pauroso ci pensiamo su una, due, cento volte. E troviamo mille scuse per posticipare: non sono ancora pronto; non è il momento giusto; chissà se funziona…
Sono quasi sempre alibi. Va bene non gettarsi a capofitto in qualcosa di sconosciuto, d’accordo; ma se si tratta di cominciare a correre, di smettere di fumare, di iniziare a farsi rispettare, di finirla con le reazioni emotive incontrollate, che senso ha rimandare?
Comincia! Anche se non sai esattamente come fare, fallo! E fallo ora… altrimenti, a forza di rimandare, non lo farai più!

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Impara a dire di no!

Vuoi avere successo? Impara a dire di no. O, meglio ancora: a dire meno sì e più no.
Imparare a dire di no non significa diventare stronzo. Ma avere priorità. Le ore del giorno sono solo 24: non puoi fare tutto. E non puoi accontentare tutti.
Non si tratta di dire di no soltanto alle persone che vogliono il tuo tempo. Ma anche alle tante distrazioni quotidiane. Ogni secondo della tua vita stai dicendo di sì a qualcosa, e di no a qualcos’altro. Quando sei su Facebook stai dicendo di sì a quel social, e di no ad altre attività. Quando chiacchieri al telefono, stai dicendo di sì al pettegolezzo e di no ad altre cose. E così via.
Secondo Aristotele, “noi siamo ciò che facciamo ripetutamente”. Siamo, cioé, ciò a cui diciamo di sì ripetutamente. E tu, a cosa dici di sì? Sono le cose cui tieni davvero, quelle importanti per te?
Insomma, hai imparato a dire di no, e senza sentirti in colpa?

Ogni giorno su Facebook  i consigli per la tua crescita personale del life coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach