Tieni famiglia e lavoro separati

Molti sul lavoro si lamentano della vita familiare, e in famiglia si lamentano del lavoro. E’ da vigliacchi: serve parlare con chi c’entra, e con chi può aiutarci a risolvere il problema. Non con chi ne è estraneo. Ma noi uomini siamo pavidi: abbiamo paura di affrontare le questioni. Preferiamo lagnarci anziché tirarci su le maniche. Inoltre amiamo sfogarci, e avere la sensazione che gli altri ci capiscano.
Ma spesso i colleghi non hanno voglia di ascoltare i nostri problemi, se non per farci pettegolezzi. E lamentarci del lavoro in famiglia potrebbe seminare tensione tra i nostri cari. Meglio tenere gli ambiti separati. A meno che non abbiamo un partner che, ascoltando i nostri problemi, possa consigliarci bene e non preoccuparsi: cosa piuttosto rara. O dei colleghi veramente amici: cosa ancora più rara.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Life Coach

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

Una risposta a “Tieni famiglia e lavoro separati

  1. pultroppo mi capita spesso di sfogare i miei problemi lavorativi in famigli e quelli familiari su alcuni colleghi, solo che il risultato è che vengo preso in giro la maggior parter delle volte e anche deriso e questo mi rende ancora un verme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *