Muji Italia, una storia di successo

Kenta Horiguchi, Presidente di Muji Italia

Kenta Horiguchi, Presidente di Muji Italia

MUJI è stata fondata nel dicembre 1980 come parte di The Seiyu, Ltd. All’inizio contava solo 40 prodotti, di cui 9 dedicati ad articoli per la casa e 31 al food. Nel 1981 l’azienda inizia a vendere prodotti di vestiario e nel 1989 MUJI passa sotto il controllo del gruppo Ryohin Keikaku Co. Ltd, fondato come società indipendente da The Seiyu, Ltd. In quanto produttore e rivenditore di MUJI, il gruppo progetta, produce e distribuisce i prodotti MUJI, che oggi contano oltre 7,000 articoli per casa, abbigliamento, accessori per l’ufficio e da viaggio, elettronica e skincare.

Dall’apertura del suo primo store MUJI Aoyama nel 1983, MUJI si è espanso in maniera costante ed è ora una realtà con all’attivo 758 punti vendita (56 in più rispetto al 2015) in 26 Paesi.

Scopo di MUJI, infatti, è quello di portare nel mondo la propria filosofia, ben espressa dal nome completo MUJIRUSHI RYOHIN, che significa “no brand, quality products” e che riprende i tre principi cardini su cui si fonda questa realtà: ricerca di materie prime di qualità, controllo dei processi di produzione, utilizzo di packaging semplici.

Questo approccio nasce dalla volontà di creare prodotti che siano semplici e pratici e necessari alla vita quotidiana. MUJI lavora tenendo in considerazione le esigenze dei propri clienti, con l’obiettivo di aiutarli a vivere una vita piacevole, offrendo semplicità, bellezza e armonia in ognuno dei propri articoli.

Per il 2016 MUJI ha deciso di puntare la propria attenzione all’Europa e nello specifico all’Italia, con un programma di ristrutturazioni e rinnovamento che coinvolgerà tutti gli store. La prima tappa di questo percorso ha visto Milano al centro del progetto, con la ristrutturazione dello store di Corso Buenos Aires che, con l’aggiunta di un piano, una superficie totale di 948.56 m2 e un’offerta di 2.500 prodotti, è ora il flagship store MUJI più grande a livello europeo e italiano.

La scelta dell’Italia, e nello specifico di Milano, è stata dettata dal fatto che Milano è una città cosmopolita che attrae più di sei milioni di turisti e businessmen all’anno. Milano è anche la capitale della moda, ma soprattutto del design. Aspetto, quello del design, a cui MUJI tiene particolarmente per lo sviluppo di tutte le proprie linee di prodotti. Inoltre, lo store MUJI di Corso Buenos Aires, inaugurato nel dicembre 2004, è stato il primo store aperto in Italia ed è quindi il primo a presentare il nuovo format degli store MUJI, già presenti in altre città come New York e Shanghai.

Per creare un ambiente unico, dove i clienti possano immergersi completamente nella filosofia MUJI, lo store di Corso Buenos Aires è stato ristrutturato utilizzando diversi materiali per i complementi d’arredo e per l’architettura di ogni piano: legno, vetro, ferro, sabbia e mattoni, con un’attenzione particolare all’impiego di materiali naturali e riciclati e un forte richiamo alla natura e agli elementi base della nostra vita.

Non solo. La filosofia di MUJI si respira in ogni angolo dello store. Appena entrati si viene accolti da un ambiente di urban background di mattoni beige e da un originale “totem” dedicato a uno dei pensieri cardine della filosofia MUJI, “What is MUJI?”; MUJI è scelta di materie prime di qualità; controllo, miglioramento e razionalizzazione dei processi di produzione; studio di un packaging semplice ed essenziale, che sottolinea la naturalezza dei colori e delle forme dei vari prodotti.

Tante sono poi le novità introdotte per la prima volta in Italia: l’Aroma Labo, un’area dove è possibile mixare gli oli essenziali per la casa e creare le proprie fragranze preferite; la zona dedicata ai bambini, con la nuova “piazzetta” realizzata in legno dove potranno giocare mentre i genitori effettuano i propri acquisti; i libri, con una selezione di 200 titoli su temi come la cucina, i viaggi, il design, il giardinaggio, ecc.

Altra new entry è la selezione di prodotti Found MUJI, una linea che comprende oggetti artigianali di uso quotidiano provenienti da tutto il mondo e caratterizzati da una lunga storia di utilizzo nella propria area locale. MUJI seleziona questi prodotti, li adatta in base ai cambiamenti culturali, al modo di vivere e ai costumi attuali, per riproporli sul mercato a prezzi accessibili. Per il lancio dello store, MUJI propone ai clienti oggetti originali della tradizione svedese e cinese, che in futuro potranno essere sostituiti o a cui si potranno aggiungere prodotti provenienti da altri Paesi del mondo. Entro i prossimi due anni sarà invece possibile trovare oggetti dedicati alla tavola italiana.

Un’ampia zona è poi dedicata ai mobili e ai complementi d’arredo. Quest’area ben rappresenta il concetto “Compact Life” di MUJI, cioè la visione di una vita piacevole e senza complicazioni. MUJI desidera mettere a disposizione dei propri clienti prodotti versatili progettati per offrire solo ciò che è davvero necessario, per sistemare i propri oggetti, libri e vestiti all’interno di mobili che li possano accogliere senza spreco di spazio e secondo la propria personalità.

Ma le novità non finiscono qui. A breve sarà possibile trovare anche a Milano gli esclusivi tè MUJI, da gustare per strada e disponibili in cinque varianti. Da giugno partiranno poi una serie di eventi, che saranno di volta in volta dedicati a una delle aree dello store, allo scopo di mantenere una relazione continua con i clienti e di permettergli di provare in prima persona i prodotti MUJI e di conoscere da vicino come ognuno di questi viene realizzato.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Life Coach

Informazioni su Mario Furlan

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione e crescita personale all'università Ludes di Lugano, e di Comunicazione efficace, leadership e management all'università Fortunato di Benevento. Ha scritto vari best-seller, tra cui "Risveglia il campione in te!" e "Tu puoi!" E' noto anche come creatore del Wilding, l'autodifesa istintiva, e dei City Angels. www.mariofurlan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *