Mario Furlan, life coach – Sei abbastanza forte da ascoltare i pareri contrari?

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

Sei morbosamente legato alle tue idee – politiche, religiose, calcistiche o quello che siano – e incapace di accettare l’opinione altrui? Pensi di avere sempre ragione, e che gli altri abbiano sempre torto? Se ti comporti così, è perché sei schiavo del tuo ego. E lo confondi con le tue idee. Pensi che chi mette in dubbio le tue credenze, metta in discussione te come persona.
Così facendo, blocchi la tua crescita interiore. Cresciamo uscendo dalla nostra zona di agio; impossibile farlo se ci imprigioniamo nelle nostre convinzioni. Sono giuste? Si rafforzeranno con il confronto. Sono sbagliate? Abbi il coraggio di cambiarle. E di vincere la paura di riconoscere il tuo errore: è l’errore più grande! Solo le persone forti ascoltano i pareri contrari, e li accettano quando capiscono che sono giusti. I deboli, invece, li rifiutano per partito preso.

Ogni giorno su Facebook i consigli del coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Sei una fonte… o una fogna?

furlan-12

Mario Furlan a un corso di motivazione e leadership

Ogni persona ci dà o ci toglie energia. Ci dà o ci toglie positività. Ci dà o ci toglie coraggio. E’ una fonte d’acqua pura, che ci disseta e ci fa stare bene; o una fogna, che ci drena l’ottimismo e ci ammorba con il tanfo delle sue negatività. Scegli di stare il più possibile vicino alle fonti; cioè alle persone che, pur avendo problemi come tutti, non perdono il buonumore, e anzi ti incoraggiano a vivere al massimo. Stai il più lontano possibile dalle fogne: ti contagiano con la puzza della loro negatività, delle loro critiche, del loro disfattismo.  E, osservando il tuo atteggiamento e chi hai intorno, cerca di capire cosa sei: una fonte, o una fogna?

Ogni giorno su Facebook i consigli del coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Sei tu che non capisci… o sono io che non so comunicare?

Mario Furlan, life coach, durante un corso di motivazione

Mario Furlan, life coach, durante un corso di comunicazione efficace e team building

Sei tu che non capisci… o sono io che non sono capace di comunicare?
Quando qualcuno fraintende, interpreta male, si impermalosisce, se la prende pensiamo che sia colpa sua. Noi abbiamo detto ciò che andava detto… e lui l’ha capito male.
Ma non è così. Saper comunicare è saper modulare il proprio messaggio in modo che l’altro lo recepisca come noi desideriamo, senza possibilità di equivoci o travisamenti. I bravi comunicatori ci riescono; perché prestano attenzione non solo a ciò che dicono, ma anche a come lo dicono. I bravi comunicatori possono non essere apprezzati, ma non possono essere fraintesi. I cattivi comunicatori, invece, se la prendono con gli altri.

Ogni giorno su Facebook i consigli del coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Come far cambiare opinione

Mario Furlan, life coach - Copertina del libro "Tu puoi!"

“Tu puoi!”, uno dei due best-seller di Mario Furlan (l’altro è “Risveglia il campione in te!”)

Se non sei più un ragazzino, avrai imparato che è quasi impossibile indurre qualcuno a cambiare opinione, qualunque sia l’argomento in discussione: politica, religione, calcio… E avrai imparato che è totalmente impossibile fargli cambiare opinione con uno scontro frontale, attaccando le sue idee. Perché a quel punto entra in gioco l’ego: anche se capisco che tu hai ragione, e io ho torto, non lo ammetto perché ammetterlo significherebbe perdere il match.
Per portare qualcuno dalla tua parte non sfidarlo, ma trova invece punti di contatto. Se ci sono argomenti sui quali la vedete allo stesso modo, sottolinealo. E falli sembrare più importanti di quelli dove invece c’è un contrasto. E se capisci di avere torto, e sei abbastanza coraggioso, ammettilo: lo fanno pochissimi, farai un figurone!

Ogni giorno su Facebook i consigli del coach Mario Furlan!

 

Mario Furlan, life coach – Che traccia lasci?

Ciascuno di noi, poco o tanto, lascia una traccia nel mondo. Pochi lasciano una grande traccia; quasi tutti la lasciamo piccola. Ma l’importante non è la dimensione della traccia che lasci. E’ la sua qualità. Tutti saremo ricordati: in bene, o in male. Per i problemi che abbiamo risolto. O per quelli che abbiamo creato. Per la gente che abbiamo aiutato. O per quella che abbiamo danneggiato. Che impatto hai avuto sulle persone che hanno incrociato la tua strada? Come ti ricordano? Se ogni giorno pensi a come fare del bene alle persone che incontri, lascerai un’impronta positiva. Farai del bene a loro. Ma innanzitutto a te stesso. Ti sentirai felice, e in più sarai fatto amici. E chi trova un amico…

Ogni giorno su Facebook i consigli del coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach, a un corso di motivazione e leadership

Mario Furlan, life coach, a un corso di motivazione e leadership

Mario Furlan, life coach – Sii, per avere!

Mario Furlan, life coach e docente universitario di Comunicazione efficace e leadership

Mario Furlan, life coach e docente universitario di Comunicazione efficace e leadership

Tutti vorremmo avere… chi soldi, chi una bella carriera, chi tanti amici, chi qualcuno che ci ami. Ma dimentichiamo che per avere dobbiamo prima essere.
Chi ottiene ciò che desidera ci riesce perché è il tipo di persona che attira un certo genere di situazioni. Chi, ad esempio, è depresso, pessimista, oppure arrogante o polemico, non può attirare gente positiva. Attirerà soltanto gente negativa come lui: perché chi si somiglia, si piglia. Ci piace, cioè, chi percepiamo essere simili a noi.
Molti mi chiedono come fare a raggiungere il successo, qualunque cosa questo significhi. Io rispondo che devono cominciare con l’essere donne e uomini di valore. Così attireranno altre persone di valore. E raggiungeranno il successo. Che è una conseguenza del nostro valore.

Ogni giorno su Facebook i consigli del coach Mario Furlan!

Mario Furlan, life coach – Perché ci sono tanti stronzi?

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

Perché ci sono tanti stronzi in giro? Non ti offendere se ti dico la verità: è perché… tu sei uno stronzo!
Gli altri sono il nostro specchio. Riflettono il nostro comportamento. Certo, esiste qualcuno che si comporta male con noi anche se noi siamo positivi, e qualcuno che si comporta bene anche se siamo negativi: ma si tratta di eccezioni. La grande maggioranza delle persone non ce l’ha con noi, ma si limita a riflettere il nostro atteggiamento. Siamo noi, a seconda di come ci comportiamo, a provocare la loro reazione. Quindi se non ti piace come gli altri ti trattano, cambia l’immagine che vedi nello specchio!

Ogni giorno su Facebook i consigli del coach Mario Furlan!