E’ sulle nevi del Pakistan la nuova impresa dell’esploratore Fabrizio Rovella

Fabrizio Rovella

Fabrizio Rovella

Nel mese di luglio 2022 l’esploratore torinese Fabrizio Rovella, noto per le sue imprese nei posti più sperduti e impervi del mondo, torna alla carica.
Stavolta va in Pakistan, in solitaria. Partenza il 12 luglio
Il programma è ricchissimo: l’obiettivo è avvistare, fotografare e filmare il mitico leopardo delle nevi nella valle di Hushe. Lì si trovano anche due cime ancora inviolate, che Rovella cercherà di scalare.

Successivamente l’esploratore italiano farà trekking fino al Campo Base del K2, la Montagna degli Italiani; e successivamente raggiungerà il Passo Ghondokhoro, il più alto al mondo.

“Come sempre – dice Fabrizio Rovella – rivolgero’ grande attenzione alle persone meno fortunate, e grazie alla Ditta Solbian nelle valli più remote potrò distribuire pannelli ad ospedali, dispensari e scuole. E grazie alla Pm Ottica di Torino distribuiroò occhiali da sole e da vista alla popolazione.

Un ultimo grazie – aggiunge Rovella – alla grande professionalità e disponibilità dimostrata da Simone Bortolotti, personal coach che si è preso la briga di allenare e motivare un vecchio esploratore come me”.

L’esploratore Fabrizio Rovella ora va in Lapponia

L'esploratore Fabrizio Rovella

L’esploratore Fabrizio Rovella

Sarà la Lapponia svedese la nuova meta scelta dall’esploratore Fabrizio Rovella, titolare dell’agenzia Sahara mon amour e noto come “l’uomo del Sahara”.
Partenza prevista il 24 di giugno e ritorno dopo circa 15/20 giorni di trekking interamente in totale autonomia. Con alcune belle salite come il Kebnekaise, che con i suoi 2103 metri è la piu’ alta delle Alpi svedesi
L’esploratore Fabrizio Rovella andrà nella regione a nord del Circolo Polare Artico, sulle tracce dei Sami, i grandi nomadi che fanno ancora la transumanza con le renne. Suo compagno di questa grande avventura sarà l’alpinista Davide Dematteis, istruttore nazionale di alpinismo e di scialpinismo.
Questo progetto è stato realizzato grazie a sponsor quali:
Libreria delle Montagna Torino, Ronco Alpinismo Torino, Altai Gallery Milano, Ristorante Le Dune Castiglione della Pescaia e Hotel Condor Riccione,senza contare tuta a parte tecnica fornita da Ferrino Outdoor, Grivel, Aku, Solbian Energie Alternative ed Ristorante Sovietniko a Torino.

E’ possibile seguirci sui canali social: su Facebook Saharamonamour, su Instagram Saharamonamour; e poil il blog “L’uomo del Sahara”.