Mario Furlan, life coach – L’unico modo per essere stimati

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

Come riuscire ad essere apprezzati e stimati dagli altri? C’è un solo modo: farli sentire apprezzati e stimati. Gli altri ci giudicano a seconda di come noi ci poniamo nei loro confronti. Abbiamo tutti bisogno di gratificare il nostro ego; chi lo fa ci piace, chi non lo fa non ci piace, e odiamo chi lo calpesta. Se li fai stare bene, penseranno bene di te; se li fai stare male, penseranno male. Comunque non preoccuparti più di tanto di ciò che gli altri pensano di te. Perché gli altri non pensano a te, se non raramente. Pensano a se stessi. Ai loro problemi. E a quello che altri pensano di loro. Esattamente come fai tu!

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione. E’ fondatore dei City Angels (www.cityangels.it) e creatore del Wilding, l’autodifesa istintiva. Ha fondato l’Alfacoaching, il coaching del benessere.  www.mariofurlan.com www.wildingdefense.com www.alfacoaching.org

Mario Furlan, life coach – Le piccole cose sono grandi cose

Mario Furlan, life coach, durante un corso di Wilding (autodifesa istintiva)

Mario Furlan, life coach, durante un corso di Wilding (autodifesa istintiva)

Sei attento ai dettagli, alle sfumature, alle piccole cortesie? Arrivi puntuale, non dimentichi niente, ti ricordi i compleanni dei tuoi interlocutori e i loro gusti? Presumo che tu sia altrettanto attento nelle cose grandi, importanti.
Prima di conoscere qualcuno a fondo dobbiamo decidere se fidarci o no di lui. Non riusciamo ancora a valutarlo dalle grande azioni. Ma possiamo giudicarlo dalle piccole. Se ai primi incontri si presenta con i vestiti macchiati, le scarpe sporche, le unghie orlate di nero; arriva in ritardo, senza nemmeno avvisare, o addirittura bidona; e mostra di essere sciatto, trascurato, facilone; come potremo riporre fiducia in lui per affidargli compiti importanti da svolgere? Le cose piccole lasciano trasparire molto delle cose grandi: non sottovalutarle!

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione. E’ fondatore dei City Angels (www.cityangels.it) e creatore del Wilding, l’autodifesa istintiva. Ha fondato l’Alfacoaching, il coaching del benessere.  www.mariofurlan.com www.wildingdefense.com www.alfacoaching.org

 

 

 

 

Mario Furlan, life coach – Come riconquistare la fiducia persa

Mario Furlan,  life coach, durante un corso di motivazione e leadership

Mario Furlan, life coach, durante un corso di motivazione e leadership

Perdere la fiducia di una persona è velocissimo: basta una parola, un gesto, un’azione che appaia come un tradimento. O un’offesa. Invece ci vuole molto tempo per costruire un rapporto di fiducia; e ancora più tempo per ricostruirlo quando è stato incrinato.
Giurare che non abbiamo tradito la fiducia, che non abbiamo agito o parlato alle spalle serve a poco. Quando la fiducia viene meno, bisogna ricostruirla non con le parole. Ma con i fatti. Dicendo cosa faremo. E facendolo. Promettendo. E mantenendo ogni promessa. Fino all’ultima virgola. Anche la più insignificante. Insignificante per noi, forse. Ma non per l’altro. Che ha bisogno di essere sicuro di poter riprendere a fidarsi.

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione. E’ fondatore dei City Angels (www.cityangels.it) e creatore del Wilding, l’autodifesa istintiva. Ha fondato l’Alfacoaching, il coaching del benessere.  www.mariofurlan.com www.wildingdefense.com www.alfacoaching.org

 

 

Mario Furlan, life coach – Gli amici di Facebook. E gli amici veri.

Mario Furlan a lezione di Wilding (autodifesa istintiva)

Mario Furlan a lezione di Wilding (autodifesa istintiva)

Chiamiamo tutti amici. Anche persone che non abbiamo mai incontrato di persona, ma soltanto su Facebook. E che nemmeno sappiamo se davvero si chiamano così, e se le foto pubblicate sono veramente le loro.
Non è possibile avere 5mila amici, il limite massimo previsto da Facebook. Gli amici – quelli veri – sono pochi. Stanno al massimo sulle dita delle mani. E hanno bisogno di essere coltivati. Come un fiore. Il fiore viene innaffiato per crescere; l’amicizia ha bisogno di attenzioni e di fiducia. Il fiore sboccia in pochi giorni; l’amicizia può avere bisogno di anni. Ma i veri amici sono i fiori della nostra vita.

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione. E’ fondatore dei City Angels (www.cityangels.it) e creatore del Wilding, l’autodifesa istintiva. Ha fondato l’Alfacoaching, il coaching del benessere.  www.mariofurlan.com www.wildingdefense.com www.alfacoaching.org 

Mario Furlan, life coach – Quando perdi la pazienza, perdi la stima degli altri

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

Perdi la pazienza, ti arrabbi, dici qualcosa di troppo e… patatrac! Hai rovinato una relazione per sempre. Non serve poi chiedere scusa: ormai il danno e fatto. Soprattutto se quelle parole le hai scritte, ad esempio in una mail. Che l’altro stampa, conserva e ritira fuori a distanza di anni per sentirsi offeso con te come il primo giorno.
Imparare a non perdere il controllo dei nostri nervi, e della nostra lingua, è fondamentale per avere rapporti sereni. E per essere stimati. Chi perde la pazienza facilmente, chi urla e sbraita finisce per l’essere considerato un isterico. Un incontinente verbale. Una persona difficile. E nessuno ama frequentare la gente difficile, visto che la vita è già difficile di suo…

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione. E’ fondatore dei City Angels e creatore del Wilding, l’autodifesa istintiva. www.mariofurlan.com www.wildingdefense.com www.alfacoaching.org 

Mario Furlan, life coach – Quelli che sono sempre malati. O in riunione.

Mario Furlan, life coach

Mario Furlan, life coach

C’è chi è sempre malato. O ha i genitori malati. O è in riunione. Pur di non vederti. O di non rispondere al telefono.
Può capitare, certo, di non stare bene. Di avere un familiare malato. O di essere in riunione. Però ci sono quelli che hanno sempre, costantemente, uno di questi tre problemi. Fissi un appuntamento con loro? All’ultimo istante disdicono. Non a voce: con un messaggino. Perché, dicono, sono malati. O loro padre è in ospedale. Li cerchi al telefono? Sono in riunione. E sembra che trascorrano la vita tra riunioni, ospedali e malattie.
Queste persone sono, oltre che bugiarde, insicure. Non hanno il coraggio di dirti che non vogliono incontrarti. O che non vogliono parlare con te. Così perdono la nostra stima. Preferiamo chi ci dice le cose in faccia. All’inizio ci fa male. Ma poi lo stimiamo per la sua onestà. Mentre chi racconta balle all’inizio ci può piacere, ma poi perde la faccia.

Mario Furlan è docente universitario di Motivazione. E’ fondatore dei City Angels e creatore del Wilding, l’autodifesa istintiva.
www.mariofurlan.com
www.wildingdefense.com

Mario Furlan, life coach – Vuoi diventare importante? Ecco come!

Mario Furlan, life coach

Noi diventiamo importanti per gli altri quando li facciamo sentire importanti. Il nostro atteggiamento nei confronti degli altri è speculare: apprezziamo chi ci apprezza, non amiamo chi non ci ama.
Un modo tanto semplice quanto efficace per instaurare un buon rapporto con il nostro prossimo è prestargli attenzione. Bombardati come siamo da mille distrazioni, fatichiamo a concentrarci sulle nostre cose; figuriamoci su quelle altrui. Quindi un grande complimento che possiamo fare a un altro è dimostrare il nostro interesse nei suoi confronti. Come? Ascoltandolo con attenzione. Senza distrarci e senza interromperlo. E ricordando, agli incontri successivi, cosa ci ha detto.  Quando prestiamo attenzione a qualcuno, è come se gli dicessimo “Sei una persona che stimo, ascoltarti vale la pena”.

www.mariofurlan.com
www.wildingdefense.com

 

Mario Furlan, life coach – Il carattere non è come gli occhi

Chi giustifica il suo (cattivo) comportamento dicendo “E’ il mio carattere!” sbaglia due volte. Primo, perché non si assume la responsabilità delle sue azioni; la colpa non è sua, bensì del suo carattere. Secondo, perché presume che il carattere sia qualcosa di immutabile. Lo ricevi alla nascita, e non lo puoi più cambiare. Come il colore degli occhi, o dei capelli.
Invece possiamo cambiare il nostro carattere. Lo possiamo scolpire. Come il corpo. Il corpo lo scolpiamo con l’attività fisica e l’alimentazione; il carattere con la capacità di reagire in modo saggio, ponderato, non impulsivo né emotivo alle sfide della vita. Scolpire il carattere è ancora più difficile che scolpire il corpo. Ma la soddisfazione è ancora più grande.

Mario Furlan, life coach – Non prendiamoci troppo seriamente!

C’è chi si prende troppo seriamente. E si sente importantissimo; a volte perfino indispensabile. Invece siamo tutti importanti per chi ci ama, ma il mondo andrà avanti benissimo anche senza di noi. Il giorno in cui moriremo il prete ci ricorderà, in chiesa, come sant’uomini; la bara verrà seguita tra singhiozzi autentici e facce lunghe di circostanza; ma già mezz’ora dopo la tumulazione della nostra salma, il problema più urgente di molti amici e parenti sarà trovare l’insalata di riso al ricevimento.
Impariamo a ridere di noi stessi. E a prendere la vita con più leggerezza. Staremo meglio con gli altri: il sorriso è la via più breve tra due persone. E con noi stessi.

Mario Furlan, life coach – Non tagliare mai i ponti

Litighi. Mandi a quel paese. E tagli i ponti. Il rapporto è finito. Distrutto. Ti senti sollevato: gliene ho dette quattro. Mi sono sfogato. E finalmente non avrò più nulla a che fare con quella persona.
Ma sbagli. Potresti ritrovartela, quella persona, lungo il tuo cammino. E se vi siete lasciati con astio, odio, rancore questo potrebbe ritorcersi contro di te.
Non è soltanto una questione di opportunismo. E’ anche una questione di maturità. Gli immaturi sono convinti di avere sempre ragione. I saggi sono capaci di vedere il punto di vista altrui. Non pretendono di essere sempre nel giusto. Per questo non bruciano mai i ponti con gli altri. Cercano di conservare buoni rapporti con tutti: potrebbero tornare utili, un domani.